Il vino Pagadebit

Mariapaola Meli

Bertinoro, in quel di Forlì

paesino arroccato sulla collina,

sparso ancora come un vero presepe.

Con le sue case di sasso antico e le sue viuzze di acciottolato

che poi dalla salita si giunge alla piazzetta

dove troneggia la torre medioevale dell’orologio,

accanto alla Colonna degli Anelli

simbolo dell’amicizia e dell’ospitalità,

luoghi che ricordano ancora il tempo passato,

dove forse anche Dante ci passò,

mentre un nobile Frangipane per un po’ dimorò.

Dove una fonte ad Enea, fuggiasco

il suo fresco getto rinfrescò l’arsura

di una guerra sbagliata e dura

per una donna o forse no.

Tutto tranquillo in quel verde spruzzato,

sapore antico nella cantina del fraticello

dove Silvia ci portò ad assaggiare quel fresco vinello

del SanGiovese e del Pagadebit,

dove un sorriso amichevole di lì ci accompagnò

fino al Paradiso, splendida tenuta agricola

dove i pavoni dai ventagli a ruote variopinte

e di movimento ineguale e lento…

View original post 33 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...